-->
             
Ci pensa papà - RSI - Falò 16.03.2017

Screen 2017 06 15 15 36 29

Thierry ha 42 anni e si occupa a tempo pieno delle figlie Sara, 15 anni e Céline 19. Dorme su un letto pieghevole in soggiorno e giorno dopo giorno cerca di reggere il peso della situazione. Luca e suo figlio Fabio,14 anni, hanno un rapporto di grande complicità. Ottenerne la custodia è stato difficile, ci sono voluti ben quattro anni di battaglie legali. Queste ed altre sono le storie di padri che allevano i loro figli da soli, affrontando quotidianamente le difficoltà di conciliare la vita privata e quella professionale.

 
Iniziativa per il congedo paternità

congedo pat.fw

Necessario
La nascita di un figlio è un grande passo nella vita. Per la buona riuscita di questo inizio ci vuole un padre presente. Ogni padre. Non solo quelli che possono permettersi un congedo non pagato.

Al passo coi tempi
I papà di oggi vogliono assumersi le proprie responsabilità sin dall'inizio. La società addirittura glielo impone. Questo premette che sia messo a disposizione il tempo libero necessario.

Finanziabile
Il finanziamento dei 20 giorni di congedo paternità è già quasi completo perché i giorni di servizio militare sono in calo. Congedo paternità – un grande passo per i papà, un piccolo passo per l'assicurazione sociale.

Firma l'iniziativa ONLINE

Perché un'iniziativa?

Provate ad immaginarvi la seguente situazione: state per diventare papà, un evento unico e indimenticabile. Ma come regolare le assenze con il vostro datore di lavoro?

Oggi, per gli eventi che vi riguardano personalmente, il Codice delle obbligazioni riconosce un «diritto di assentarsi dal lavoro per il tempo necessario». Tuttavia non è stato definito quanto duri questo tempo e se è pagato. Questo significa che di fatto la Svizzera non ha un congedo paternità pagato. Eppure dopo la nascita la madre ha bisogno di cure, i fratelli e sorelle del neonato hanno bisogno di attenzioni e di assistenza, e il neonato vuole poter conoscere suo papà – e per bene.

È per questo che da anni le organizzazioni della società civile e le rappresentanze dei lavoratori richiedono un congedo paternità. Purtroppo né la via parlamentare, né le pressioni esercitate sulle aziende dell'economia privata sono riuscite ad ottenere risultati decisivi. Ma il consenso della società aumenta. Nel 2015 l'istituto Link, su incarico di Travail.Suisse, ha condotto uno studio rappresentativo ottenendo un risultato chiaro come il sole: l'81% è a favore di un congedo paternità pagato. Ecco dunque com'è nata l'iniziativa popolare.

L'associazione «Congedo paternità – ora!» ha lanciato in data 17 maggio 2016 l'iniziativa popolare «Per un congedo paternità sensato – a vantaggio di tutta la famiglia». L'iniziativa esige un congedo paternità pagato degno del suo nome: 20 giorni, da prendere in modo flessibile entro un anno.

Testo dell'iniziativa
Liste per le firme

 
Rendere più flessibile il concetto di nucleo famigliare

Dopo il divorzio l’affidamento alternato ha molti vantaggi.
Di Oliver Hunziker - GeCoBi

hunziker oliver 2016A partire dal 1. Gennaio 2017, con l’entrata in vigore del nuovo diritto al mantenimento i genitori separati, ma anche i loro figli, possono richiedere al giudice di valutare se, per il bene del figlio, sia opportuno disporre dell’affidamento alternato.

Settimana scorsa e stato reso noto uno studio dell’università di Ginevra, condotto dalla professoressa di diritto Michelle Cottier che arriva alla conclusione che la svizzera non è ancora pronta per accogliere un tale modello.

L’associazione Svizzera per la bigenitorialità GeCoBi, dalla sua costituzione nel 2008 si impegna per l’affidamento alternato.

Ma l’obiettivo non è farlo diventare la regola.

La richiesta è piuttosto che l’affidamento alternato venga esaminato come primaria opzione -  e quando è nell’interesse dei figli venga sempre disposto.

Ad oggi la prassi in uso, in caso di divorzio, è che i figli vengono affidati alla madre e al padre viene garantito un ampio diritto di visita e imposto il dovere del mantenimento dei figli e spesso anche della moglie.

Tradotto dal linguaggio giuridico “ampio diritto di visita” nella realtà significa due giorni ogni due settimane, ed una parte delle vacanze scolastiche.
Dei 30 giorni di un mese i bambini ne trascorrono solo 4 con il padre.

Secondo studi internazionali condotti da più di vent’anni ciò non è sano per i bambini, per il semplice fatto che in così breve tempo non riescono ad istaurare il rapporto necessario con una figura di riferimento così importante per loro, quale è il padre.  

In tale contesto va perso uno stimolo molto importante per il loro sviluppo.

Molti nuclei famigliari in svizzera vivono secondo il modello classico (madre a casa a curare i figli, padre al lavoro a tempo pieno)

Alcuni lo scelgono consapevolmente, più spesso però vi ci sono costretti da fattori esterni.

Quando uno dei genitori guadagna nettamente meno o sceglie di dedicarsi principalmente alla cura dei figli dopo la nascita,
all’altro genitore, per far fronte ai costi della famiglia non resta che compensare la minore entrata lavorando di più

E così scatta la trappola del modello classico. ...

Leggi tutto...
 
Il nuovo diritto in materia di mantenimento del figlio entra in vigore a gennaio 2017

Berna - In futuro i figli di genitori non sposati avranno gli stessi diritti di quelli delle coppie sposate. Mercoledì il Consiglio federale ha deciso che la pertinente modifica del Codice civile entri in vigore il 1° gennaio 2017. Le disposizioni sui provvedimenti per tutelare gli averi di previdenza in caso di inadempienza dell’obbligo di mantenimento e l’ordinanza sull’aiuto all’incasso entreranno in vigore successivamente.

Il nuovo diritto in materia di mantenimento elimina le discriminazioni tra i figli nati fuori o nel matrimonio. Secondo il diritto vigente i figli di genitori non sposati sono svantaggiati. In futuro, al momento di fissare il contributo di mantenimento del figlio, si terrà conto dei costi sostenuti dal genitore per la cura della prole.

Con il nuovo ordinamento il mantenimento del figlio minorenne avrà la priorità sugli altri obblighi analoghi previsti dal diritto di famiglia. Infine, quando si tratterà di decidere in merito alla custodia, il giudice potrà prendere in considerazione la custodia alternata in caso di esercizio congiunto dell'autorità parentale e su istanza di un genitore o del figlio.
Seguiranno l'aiuto all'incasso uniforme e i provvedimenti per tutelare la previdenza

Per garantire che un figlio riceva effettivamente i contributi di mantenimento che gli spettano, le nuove disposizioni assegnano al Consiglio federale la competenza di definire a livello federale le prestazioni di aiuto all'incasso sia nel diritto del divorzio sia nel diritto in materia di mantenimento del figlio. L'Esecutivo emanerà un'ordinanza volta a garantire un aiuto all'incasso uniforme per i contributi di mantenimento. Inoltre, in futuro, nessuno potrà più farsi versare il capitale previdenziale e al contempo sottrarsi ai propri obblighi di mantenimento. I servizi di aiuto all'incasso potranno segnalare alle casse pensioni e agli istituti di libero passaggio coloro che eludono tale obbligo e a loro volta le casse pensioni e gli istituti di libero passaggio saranno tenuti a informare tali servizi senza indugio quando ricevono una richiesta di versamento del capitale previdenziale. Affinché questi obblighi di segnalazione possano essere correttamente attuati, il Consiglio federale dovrà precisare determinati aspetti al momento di redigere l'ordinanza sull'aiuto all'incasso. Per non rimandare l'intera revisione, le disposizioni corrispondenti e l'ordinanza sull'aiuto all'incasso entreranno in vigore più tardi.
Seconda parte della revisione del Codice civile

Il 20 marzo 2015 il Parlamento aveva adottato la revisione del mantenimento del figlio e il termine di referendum è scaduto, inutilizzato, il 9 luglio 2015. La nuova normativa sul diritto di mantenimento costituisce la seconda fase della riforma legislativa relativa alla responsabilità genitoriale e mette al centro il bene del figlio. La prima fase, ossia la revisione del diritto in materia di autorità parentale, è entrata in vigore il 1° luglio 2014.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

 

Sportello2

10 Anni di storia

Libretto 10 anni AGNA

Libri consigliati

LePietreDiEdoardo

divertente e toccante...

Newsletter

Mantieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter
è possibile cancellarsi automaticamente in ogni momento.

con il sostegno di

Fai una donazione libera

Enter Amount:

Contribuisci con la tassa sociale