-->
             
Nel nome dei Figli PDF Stampa E-mail

Un ritratto dell'Italia attraverso gli occhi dei bambini, la crisi della famiglia, il mondo dei tribunali. Il primo romanzo italiano interamente ambientato nei labirinti del Diritto di famiglia. Un libro che chiunque sia stato figlio dovrebbe leggere.

Vittorio Vezzetti esercita la professione di medico pediatra. Dal punto di vista scientifico ha pubblicato i primi articoli italiani a carattere medico sul tema “Minori fuori famiglia” e “Struttura familiare ottimale per i figli di separati”. Dal punto di vista giuridico ha ideato i primi casi nazionali di costituzione parte civile di minore e associazioni a favore della bigenitorialità. Più volte audito in Commissione Giustizia del Senato nell’ambito della riforma dell’affido condiviso, ha collaborato a proposte di legge in Italia e all’estero. E’ responsabile medico scientifico dell’ANFI ( Associazione Nazionale Familiaristi Italiani) e della Piattaforma Europea per la joint custody and co-parenting COLIBRI’. Ha partecipato a talk shows e tg su reti locali e anche su RAI, Canale 5, Italia 1, Radio Radicale; la sua vicenda è stata ripresa dai più diffusi giornali italiani. Ha pubblicato il libro Nel nome dei Figli che per il suo valore sociale e culturale ha finora avuto il patrocinio di 7 province e 21 Comuni italiani. Per il suo carattere di realismo, però, questo testo non ha mai trovato una casa editrice disposta a pubblicarlo ed è stato autoprodotto. Presentato, malgrado ciò, nelle più prestigiose piazze italiane (Palazzo Vecchio di Firenze, Palazzo Steri di Palermo, Galleria Vittorio Emanuele di Milano prima della presentazione in Senato del 5-2-2013), “Nel nome dei Figli” è stato regalato dalla sen. Emanuela Baio ai membri delle Commissioni Parlamentari Giustizia e Infanzia come momento di informazione e riflessione e rappresenta un caso letterario unico nella storia libraria italiana. Il 23 ottobre 2013 il libro arriva al Parlamento Europeo in Strasburgo.

 

Fai una donazione libera

Enter Amount:

Contribuisci con la tassa sociale