-->
             
Tutorie: ‘Ci sono abbastanza curatori professionisti?’ PDF Stampa E-mail
Venerdì 21 Agosto 2015 14:37

da La Regione - 17 agosto 2015 - Cantone

article4 1Quello delle tutorie è uno dei dossier che nella scorsa legislatura ha lungamente occupato il Gran Consiglio. E non solo, visto che la riforma votata nel 2012 è stata sottoposta pure al giudizio popolare. D’altronde il tema è sensibile e coinvolge molti ticinesi. “Circa seimila persone, ovvero quasi il due per cento della popolazione”, ricordano i deputati Giorgio Fonio (Ppd) e Amanda Rückert (Lega), che in un’interrogazione inoltrata ieri chiedono lumi al governo in merito al funzionamento delle Autorità regionali di protezione (Arp) e, in particolare, sull’impiego di curatori professionisti. Perché è vero che il sistema in vigore è provvisorio e nel 2018 sarà sostituito dal modello giudiziario: il messaggio governativo è già sul tavolo della Commissione della legislazione. Tuttavia, scrivono i granconsiglieri, all’ulteriore riforma mancano “oltre due anni e quello delle tutele è un settore assai delicato, per il quale ogni intervento atto a migliorare le condizioni per l’utenza è importante”.

Ecco perché Fonio e Rückert vogliono vederci chiaro su “alcune perplessità sullo stato di salute delle Arp” sollevate nel recente messaggio governativo. E le preoccupazioni si rivolgono soprattutto “al numero di curatori presenti sul territorio cantonale che, purtroppo, scarseggiano. Ci sono – spiegano i due granconsiglieri – i curatori privati, persone di buona volontà che mettono a disposizione il loro tempo per occuparsi di uno o più pupilli, fornendo un importante servizio sia agli utenti che allo Stato; ci sono poi i curatori professionisti”. Questi ultimi, “oltre ad avere di regola una formazione specifica”, sono in grado di “assumere mediamente fino a sessanta mandati”. Stando però “a informazioni giunte agli interroganti, risulterebbe che non tutte le Arp abbiano affiancato ai curatori privati la figura dei curatori professionisti”. “Quanti sono – domandano dunque i deputati al Consiglio di Stato – i curatori privati attivi in Canton Ticino e in quali Arp operano?”. E quelli professionisti? Sempre a proposito di questi ultimi, si chiede pure quanti siano “stati assunti nei Comuni dopo l’entrata in vigore della modifica legislativa del 2012”.

 
 

 

 

logo istituto di antropologia

Studio sulla prevalenza di disturbi
del comportamento alimentare

(DCA) nelle famiglie separate.

Questionario A (per genitori separati)

Data di scadenza questionario: 15 ottobre 2018

La compilazione del questionario richiederà al massimo 10 minuti

Partecipa al sondaggio

 

 

Libri consigliati

LePietreDiEdoardo

divertente e toccante...

Fai una donazione libera

Enter Amount:

Contribuisci con la tassa sociale