Esercizio del diritto di visita durante le misure federali per Coronavirus

ARP, nuova autorità in vista

Raccomandazioni per i diritti di visita della COPMA del 3 aprile 2020

clicca qui per il documento in formato PDF

tradotto dalla versione orginale in tedesco link-documento in tedesco

Molti genitori, autorità e istituzioni sono incerti se e come le norme esistenti sui diritti di visita possano essere attuate durante la pandemia della corona. Con l'obiettivo di affrontare queste incertezze, la COPMA ha emanato delle raccomandazioni.

Situazione iniziale

Durante la pandemia di corona si applicano norme speciali di igiene e di comportamento  e i contatti sociali devono essere ridotti al minimo. L'ordinanza 2 sulle misure di lotta contro il virus corona del 13 marzo 2020 (dal 2 aprile 2020) non vieta il contatto tra il bambino e i due genitori. Poiché i servizi di assistenza all'infanzia possono essere mantenuti, le sospensioni generali di tutti i contatti con i visitatori appaiono sproporzionate; è necessario valutare la questione caso per caso.
I genitori sono responsabili dell'attuazione delle direttive e delle raccomandazioni della Confederazione . I genitori devono decidere caso per caso, con il coinvolgimento del bambino, come mantenere il contatto genitore-figlio durante la pandemia di corona. A seconda del mandato, il consulente può sostenere i genitori nell'elaborazione di soluzioni amichevoli, ma non è compito del consulente stesso emanare regolamenti. Il KESB interviene solo se il contatto o il mancato contatto in un caso individuale rappresenta una minaccia concreta per il benessere del bambino. In tali casi, la KESB può impartire istruzioni o regolamentare, limitare o ritirare il contatto.

Principio: i contatti di visita continuano ad avere luogo

La pandemia di corona non cambia fondamentalmente il diritto del bambino ad un contatto adeguato con entrambi i genitori. Soprattutto in tempi incerti, è importante che il bambino possa trovare un sostegno affidabile e continuo a contatto con il padre e la madre come suoi più importanti caregiver.

La raccomandazione di mantenere i contatti sociali al minimo non si riferisce alla famiglia nucleare (rapporto genitore-figlio), anche se i genitori vivono in famiglie separate. I bambini dovrebbero anche essere in grado di mantenere il contatto con entrambi i genitori durante la pandemia di corona. Se esiste un regolamento sui diritti di visita o una decisione del tribunale sui diritti di visita, questo in linea di principio continuerà ad essere applicato nonostante la pandemia della corona.

Per quanto riguarda la questione di come organizzare al meglio i contatti tra il bambino e i genitori in considerazione delle esigenze della Confederazione, le seguenti domande svolgono, tra le altre, un ruolo importante: Come arriva il bambino all'altro genitore? Come si possono evitare, per quanto possibile, i contatti con persone diverse dal genitore avente diritto di visita?

La situazione particolare richiede che i genitori prendano accordi più intensivi, per evitare che la mutua comprensione, tolleranza speciale e flessibilità.

Eccezione: i contatti avvengono tramite forme di contatto alternative


Se il bambino, un genitore o un'altra persona che vive nella casa di un genitore è in autoisolamento o in quarantena  a causa di un test positivo o di chiari sintomi di malattia della corona, deve essere garantito il contatto attraverso forme alternative di contatto . In particolare, sono possibili contatti telefonici e lettere, nonché contatti tramite mezzi elettronici (posta, chat, whatsapp, SMS, social media, ecc.) o videotelefonia (Skype, Facetime, Zoom, ecc.). Non vi è alcuna modifica al diritto all'informazione e alla divulgazione del genitore non affidatario. In questi casi non si tratta di stabilire se, ma di come può avvenire il contatto.

La valutazione se una persona mostra sintomi di malattia deve essere valutata da ogni persona adulta per se stessa e non può essere fatta dall'altro genitore. In caso di dubbio o di disaccordo, è determinante una valutazione medica scritta che deve essere ottenuta dai genitori.

Per soddisfare le esigenze individuali del bambino, il bambino deve essere attivamente coinvolto nel processo decisionale. Deve essere spiegato al bambino in modo comprensibile perché non può incontrare l'altro genitore al momento e quali alternative di contatto sono disponibili.

Il follow-up dei contatti in visita è generalmente fuori discussione, poiché i contatti continuano ad avvenire attraverso forme di contatto alternative.

Rischi generali - come la possibilità di essere coinvolti in un incidente stradale durante il tragitto, o di essere coinvolti in un incidente stradale nonostante le precauzioni prese.

Casi speciali

•    Visitare i contatti con l'estero
Se non è possibile attraversare il confine  , i genitori dovrebbero cercare forme alternative di contatto, compresi i bambini.

•    Nessun adattamento ufficiale dei regolamenti esistenti sui diritti di visita
Poiché le misure di corona sono misure temporanee, gli adeguamenti ufficiali alle norme sui diritti di visita dovrebbero essere generalmente evitati.

•    Custodia condivisa / custodia alternata
La custodia condivisa non è interessata dalle misure federali. Quanto detto sopra sul diritto di visita si applica per analogia. Se un genitore è malato o appartiene a un gruppo a rischio, si dovrebbe esaminare se l'altro genitore può fornire maggiori cure. (cfr. art. 2 cpv. 6 COVID-19 Ordinanza sulla perdita di guadagno).

•    Regole sul diritto di visita nelle istituzioni
La gestione delle strutture sociali rimane di competenza dei Cantoni (cfr. art. 1a dell'ordinanza COVID-19 ordinanza 2). I Cantoni possono emanare disposizioni relative ai contatti con i bambini negli istituti (cfr. www.casadata.ch > COVID-19). Eventuali limitazioni del diritto di visita devono essere discusse con il bambino e i genitori caso per caso e devono essere cercati mezzi alternativi di contatto. Un'istituzione sociale può, in particolare, limitare i diritti di visita anche se ciò è stato ordinato dalla ARP (la protezione dei bambini e del personale domestico ha la priorità).

•    Regolamento sui diritti di visita negli incontri di visita accompagnati
Le visite accompagnate sono strutture sociali che, ai sensi dell'art. 6 cpv. 3 lett. k del regolamento COVID-19 n. 2, non sono interessate dall'obbligo di chiusura e dovrebbero quindi in linea di principio rimanere aperte. Se i servizi sono comunque chiusi o non disponibili, i genitori devono cercare forme alternative di contatto con il bambino. Oppure i genitori si accordano su una forma alternativa di accompagnamento.

•    Contributi di mantenimento dei bambini
La struttura dei dati di contatto deve essere considerata indipendentemente dall'obbligo di pagare i contributi di mantenimento al bambino. L'obbligo di pagare i contributi di mantenimento continua a sussistere durante la pandemia di Corona. A causa del carattere temporaneo delle misure, una modifica è generalmente fuori questione.

•    Coprifuoco
Se il Consiglio federale dovesse imporre un coprifuoco nazionale, la situazione dovrebbe essere riesaminata.

Articoli correlati