Image
Image

‘Ha abusato di mia figlia, andava fermato prima’ - (Il curatore che non vigila e Arp miope)

Punto dolente di questa brutta storia è l’autorità regionale di protezione (Arp), chiamata a vigilare sulla bambina e il suo rapporto col padre. Se ne sono succedute due. Nessuno ha approfondito le infinite lamentele della madre Mara (lei sì che era nel giusto!) che, più e più volte, ha segnalato quei comportamenti inappropriati dell’ex compagno, come smantellare la camera da letto di Luna, come dormire nello stesso letto con la figlia durante i diritti di visita (entrambi nudi come è emerso a processo), come le lamentele della piccola su strani giochi col padre, come gli scatti di ira dell'uomo. “Le diverse sospensioni dei diritti di visita hanno destabilizzato mia figlia. L’Arp non ha creduto alle mie segnalazioni, accusandomi di essere una manipolatrice, cedendo invece alle pressioni del mio ex che insisteva per vedere Luna. Ora lui è stato condannato”, precisa la madre.

 

‘Ha abusato di mia figlia, andava fermato prima’ - (Il curatore che non vigila e Arp miope)